Questa tettonica trasformativa fissa spazi, piani e corpi in relazioni impreviste che sfidano condizioni discrete, topografie tradizionali e codici spaziali. Un’architettura con una certa traiettoria e momentum, che risponde alle condizioni locali ed alle possibilità di impiego.