L’ampliamento di un hotel che attira l’attenzione su di sè senza disturbare la visione del contesto storico prominente e senza dominare l’insieme esistente.

HOTEL A.

TIPOLOGIA Residenziale, Interni
STATO Concorso ad invito 
LUOGO Südtirol, Italia
ANNO 2018 
CLIENTE Privato

PROJECT ARCHITECT Micol Fronza
DESIGN TEAM Giulia Mariotti, Peter Pichler, 
 许挺 (Ting Xu)羅嵩清 (Sung-Ching Lo)米东阳 (Dongyang Mi), 刘启元 (Qiyuan Liu), Matteo Mariano

L’hotel è situato in una posizione prominente nel centro della città all’interno di un importante contesto storico formato principalmente da edifici liberty. Il compito principale dell‘intervento deve quindi essere quello di progettare l’ampliamento in modo tale da non compromettere la vista da e verso i punti di principale interesse architettonico e urbano nelle vicinanze dell’Hotel. Il nuovo ampliamento non deve dominare sul proprio contesto storico.

Allo stesso tempo, il progetto dovrà essere una continuazione visiva dell’hotel esistente con il suo affascinante prospetto ritmato che si affaccia sul ponte delle terme e sulla passeggiata lungo il fiume. Il volume della nuova ala per le stanze non deve essere letto come facciata ma come superficie di tetto a falde: attraverso una piccola fuga d’ombra il nuovo intervento si separa dalla struttura esistente, una superficie volutamente leggermente piegata struttura e spezza il volume e allo stesso tempo attira lo sguardo dello spettatore. Il materiale di rivestimento scelto per l’intervento e l’ottone che richiama il linguaggio dell’architettura liberty circostante come anche quello degli interni dell’hotel esistente. Il nuovo volume riprende il ritmo della facciata sottostante esistente e lo traduce in strutture di vetro simili ad abbaini che formano i balconi per le stanze.