Partendo da un taglio centrale una striscia si sviluppa per formare la balaustra di un balcone che si fonde con la topografia circostante.

DOLOMITENBLICK

TIPOLOGIA Residenziale, Interni
STATO Incarico, Costruito
LUOGO Sesto, Italia
ANNO 2014
CLIENTE Privato

PROJECT ARCHITECT David Preindl
DESIGN TEAM Nicoletta Gerevini, Peter Pichler, Maya Shopova, Daniela Walder

L’edificio è localizzato al limite di un’area residenziale nel paesaggio collinare delle Dolomiti. Il volume è stato sviluppato a partire dalla richiesta funzionale di allocare sei appartamenti indipendenti, collegati da uno spazio comune destinato alla circolazione interna. Un’incisione formale configura l’ingresso principale e la ripartizione delle unità abitative, dividendo il volume in due parti. Questo “taglio” diventa l’elemento centrale per la definizione dell’edificio. Generandosi dai margini dell’incisione, due fasce si dispiegano andando a formare le balaustre di generose terrazze coperte, per poi raccordarsi alla topografia circostante. Le fasce e l’intera facciata seguono progressivamente con ogni piano dell’edificio il ripido versante della collina inclinandosi di conseguenza. L’edificio ospita sei appartamenti, tutti favorevolmente esposti al sole verso sud e rivolti verso la vista panoramica delle Dolomiti. La gamma dei materiali è stata ridotta ad un codice molto locale: legno di larice e rame pre-ossidato. Prendendo in prestito la gamma di colori delle case contadine circostanti con facciate in legno di larice scuro, bruciato dal sole, l’edificio si fonde nel suo contesto naturale. Le fasce di rame scuro circondano il volume a formare una seconda pelle, offrendo riparo e definendo il tetto come una continuazione della facciata. La forma stessa del tetto deriva dalle normative urbanistiche locali che permettono la sola realizzazione di tetti a falda per questo specifico lotto. Leggermente deformato, si fonde al concetto di progetto come alla tradizionale tipologia del tetto a falda.