Posizionata all'intersezione tra gli esperimenti accademici più avanzati e radicali nello stesso edificio e la grandezza, la storia della sua architettura georgiana e la posizione in Bedford Square, la Architectural Association Gallery divenne un luogo ideale per contestualizzare nuovi metodi di progettazione parametrica e fabbricazione ed evocare un intensa esperienza spaziale.

Transpositional Practice

TIPOLOGIA Installazione
STATO Incarico, Costruito
LUOGO Londra, UK
ANNO 2005
CLIENTE Architectural Association

PROJECT ARCHITECT Peter Pichler
DESIGN TEAM Libny Pacheco, Eva TsouniNikolaus WabnitzFederico RossiJan Wisniowski

COLLABORATORS Corus Colorcoat (Sponsor), Hotel Puerta America (Sponsor), Douglas Spencer (Video projections), Desktop Engineering (Software Consultant), Quality Components UK LTD (Laser Cutting)
PUBLICATIONS BD Online

Dall'innesto di una parte dell'atrio dell'Hotel Puerta America in questo spazio ospite e quindi alla crescita del tessuto per legare l'attuale organizzazione georgiana classica, il nuovo complesso si lega strettamente al tessuto della galleria.
Allo stesso tempo, lo spazio inserito diventa un incontro sublime come grotta artificiale. Una sola superficie copre l'intero spazio - si trasforma in una sezione a forma di scatola che descrive le finestre di Bedford Square al bozzolo interno che è stato trasposto nella sua geometria originale dall'Hotel Puerta America.
Il progetto discute attraverso l'esperienza fisica reale come leggiamo, interpretiamo e occupiamo lo spazio. Poiché non viene fornito alcun indizio semantico su dove camminare, sedersi o guardare (pavimento, pareti e "sedili" sono senza soluzione di continuità), deve essere "conquistato" e rivendicato in modo creativo da tutti in modo personale.
'Il cervello è una macchina di previsione biologica. Ne consegue che il suo piacere consiste nello scommettere. E può solo scommettere su una realtà in movimento, in continua evoluzione. La forma, anche la forma immobile, è un'opportunità per cambiamenti mentali, per cambi di direzione fantasiosi, che gli architetti criminali ci impedirebbero di godere. " Alain Berthoz.
Senza una micro-identità consolidata a cui rivolgersi, la percezione viene lanciata in una risposta intensa allo stimolo sensoriale inesperto. In bilico sulla soglia del corridoio, esitiamo mentre proiettiamo un percorso futuro attraverso questo spazio e ne anticipiamo il risultato. Il non familiare si presenta come una minaccia e un'opportunità in questo primo incontro.
Se varchiamo la soglia in questo spazio, allora ci apriamo ai piaceri dei "cambiamenti di mente" e dei "cambiamenti immaginativi di direzione" che offre. Iniziamo ad auto-modellare questi pattern sensomotori e le micro-identità che ci consentono di rispondere ai ritmi, alle ripetizioni e alle inversioni dello spazio.
A poco a poco, attraverso l'incrocio di cervello, corpo e ambiente, stabiliamo una rete che unisce topologie neurali e architettoniche all'interno di una singolare dimensione cinestetica; la resistenza crolla quando l'esperienza si schiude.

SCRITTO DA DOUGLAS SPENCER

Instalation's review di David Cunningham in Building Design Nov 2005