La vitalità delle città deriva dalla partecipazione delle persone, mentre l'entusiasmo delle persone è fortemente legato all'apertura e all'ambiente ecologico degli spazi pubblici. Un centro artistico di prima classe non dovrebbe essere solo uno spazio per le persone per apprezzare l'arte, ma anche un luogo in cui le persone possono avvicinarsi alla natura, vivendo la vita urbana.

Ban Xue Gang Art Center

TIPOLOGIA Masterplan, Culturale, Uso Misto
STATO Concorso, Selezionato fase 2
LUOGO Shenzhen, Cina
ANNO 2017-2018
CLIENTE Bantian Sub-district Office, Longgang District, Shenzhen,Longgang District Urban Management Bureau, Shenzhen

PROJECT ARCHITECT Giulia Mariotti
DESIGN TEAM Oliver Aude , Rossella Corica, Qiyuan Liu 
(刘启元), Sung-Ching Lo(羅嵩清), Pilar Menendez Martin, Sprite Mau (缪菓), Dongyang Mi (米东阳),  Filippo Ogliani, Pingshan Qu (瞿平山),Ting Xu (许挺), Bo Zhao ( 赵勃)
Landscape: Xiaoyi Teng (滕晓漪),Harshdeep Arora , Kai Gao (高恺), Tao Li (李弢), Haitao Ma (马海涛), Shail Paragkumur Patel , Lingwei Wan (万凌纬).
 
Il concetto ha preso forma dall’idea di unire uomo e natura. Prendendo in considerazione il Golden Mountain Park, che è l'elemento naturale locale più importante. La nuova configurazione è stata modellata a partire da un'analisi parametrica del sito, tra cui il deflusso dell'acqua, la vista, il traffico e l'uso del territorio dell'area circostante.
L'obiettivo della strategia di progettazione è quello di favorire l'integrazione di quest'area nell'ambiente circostante, con un programma commerciale, ecologico, vibrante a livello del suolo e un programma altamente sociale e culturale in alto, in modo da creare un nuovo modello centro d'arte.